BMW iX: vivere il presente

 

Come possiamo definire il futuro? Nel rispondere a questa domanda potremmo magari perderci in discorsi aulici e insensatamente lunghi, ma volendo essere concisi possiamo definirlo come la più bella celebrazione del presente



È doveroso aggiungere che non esiste una sola definizione, ma nel momento storico che stiamo vivendo, parlare di futuro significa celebrare quelle menti brillanti che stanno costruendo il mondo di domani. Non esiste una linea di demarcazione fra presente e futuro. In parole povere, il presente è un costante evolversi della contemporaneità
Non c’è scampo dal tempo e quello che facciamo possiamo soltanto migliorarlo e incentivare coloro che hanno una visione improntata al miglioramento del mondo in cui viviamo. 



Di sicuro chi ama le auto ama le auto del passato, normalmente quelle della propria giovinezza, che ricordano magari quando si scopre la propria passione per questi oggetti meravigliosi. Tuttavia spesso ci dimentichiamo che quelle stesse auto, per quanto antiquate e romantiche oggi, erano a loro tempo l’incarnazione di idee che rappresentavano passi avanti, verso il punto dove siamo giunti oggi. 



A noi piace pensare che le auto di oggi siano una sorta di celebrazione di quelle del passato, in quanto, a modo loro, seguono il medesimo sviluppo delle loro antenate. È normale essere disorientati davanti alle auto elettriche di oggi, però dobbiamo renderci conto che quello che stiamo vivendo è un nuovo momento pionieristico della storia dell’automobile. 



Dopo tutto, il clima di oggi non è così diverso da quello che si viveva 120 anni fa, quando nel mondo automotive regnavano discussioni fra i sostenitori delle auto a benzina, a propulsione elettrica e a vapore. Per certi versi il continuo dibattito sulla fonte energetica delle vetture di oggi non è nemmeno così diverso da quello che regnava 20-25 anni fa, quando tutte le Case puntavano sui motori Diesel!
Pertanto, il futuro altro non è che il continuo mutare del presente. Chi conosce BMW, sa che questo processo “mutaforma” del presente è sempre stato interpretato in modo egregio. Prima con i prototipi ad idrogeno come la Hydrogen 7 e poi quelli che hanno portato alla i8, vera punta di diamante della Casa Bavarese. 



Oggi, il processo di riduzione delle emissioni ha coinvolto lo storico stabilimento di Dingolfing, che  ha già ridotto significativamente le sue emissioni, traendo l’energia di cui abbisogna da fonti 100% rinnovabili.



La nuova BMW iX xDrive40 è il prodotto di questa filosofia innovativa. Prodotta con batterie fabbricate con cobalto e litio provenienti da fonti certificate in Australia e Marocco e con alluminio prodotto in modo sostenibile, è un punto di riferimento per incrementare lo sviluppo verso un modo più sostenibile.
In particolare, tutto l’approvvigionamento delle materie necessarie alla costruzione ruota intorno alla filosofia di ecosostenibilità, come il legno certificato FSC, pelle conciata con estratti di foglie d’ulivo, e i rivestimenti e tappetini fatti da reti da pesca recuperate.



Il concetto di automobile qui va oltre il solo aspetto della mobilità, ma rappresenta una vero e proprio approccio costruttivo innovativo. Ad esempio, i motori elettrici della BMW iX sono prodotti senza l'utilizzo di terre rare, evitando quindi processi potenzialmente dannosi per l’ambiente.



Le unità di propulsione, che si trovano sull’asse anteriore e posteriore, funzionano secondo il principio di un motore sincrono a corrente, dove il moto rotatorio non è indotto da magneti, ma dall'immissione diretta di energia elettrica. Tale aspetto elimina l’impiego dei materiali critici usati per produrre i magneti, rendendo indipendente BMW dal loro approvvigionamento.



Non credete che questo aspetto non abbia nulla a che vedere con la dinamica di guida: qui si hanno 300 cavalli, e si hanno su un’auto strettamente di serie. 400 chilometri di autonomia e un sistema di ricarica rapida sono più che sufficienti in un’auto concepita per l’uso quotidiano. 
L’handling è gestito da sospensioni a doppio braccio oscillante davanti e multilink dietro, con ammortizzatori ad aria. Guida sportiva, ma comoda e rassicurante come un vero SAV BMW, dotato di un’erogazione piena ma non aggressiva: in altre parole, il piacere di guida tipico in un’auto che è la miglior interpretazione possibile del presente. 
Quindi la BMW iX xDrive40 è un’auto del futuro? No, perché essa è realtà tangibile e mobile sotto i nostri piedi. Guidare questa BMW è uno dei migliori complimenti che si possa fare a chi sa pensare bene cosa vuol dire vivere il presente per essere il domani. 

Contattaci per scoprire e provare su strada la Nuova BMW iX e la gamma BMW elettrica ed ibrida.

Campo obbligatorio

Campo obbligatorioEmail non valida

Campo obbligatorio

Campo obbligatorio

Campo obbligatorio

Campo obbligatorio

I campi contrassegnati con * sono obbligatori


News & Mondo Nanni Nember